USA: 407 McKirkland ct Cary, NC 27511
001 919 4132917

FSMA, le nuove norme dell’FDA

Secondo l’FSMA, chi vuol vendere negli stati uniti deve assolvere principalmente a due obblighi: avere una facility pronta ad eventuali audit e controlli e preparare un Food Safety Plan.

L’FSMA (Food Safety Modernization Act, legge sulla modernizzazione della sicurezza alimentare) è stata firmata dal presidente Barack Obama il 4 Gennaio 2011. La FSMA ha dato alla FDA (Food and Drug Administration) nuove autorità per regolare il modo in cui gli alimenti vengono coltivati, raccolti e trasformati. La legge conferisce alla FDA una serie di nuovi poteri tra cui l’autorità di richiamo obbligatoria, che l’agenzia ha cercato per molti anni.
Secondo l’FSMA, chi vuol vendere negli stati uniti deve assolvere principalmente a due obblighi: avere una facility pronta ad eventuali audit e controlli e preparare un Food Safety Plan.

FSMA, le nuove norme dell’FDA

Audit

Il Food Safety Modernization Act ( FSMA ) enfatizza la prevenzione e la responsabilità in tutta la catena di approvvigionamento per garantire la sicurezza degli alimenti consumati negli Stati Uniti, indipendentemente da dove vengono prodotti gli alimenti. Sette regolamenti sono stati messi a punto e emessi dalla FDA statunitense nell’ambito di FSMA , quattro dei quali riguardano in qualche modo il controllo.

In particolare, le regole sui controlli preventivi per l’alimentazione umana (PCHF) e il programma di verifica dei fornitori esteri (FSVP) evidenziano l’uso degli audit come attività di verifica del fornitore appropriata e, in alcuni casi, richiesta. Queste regole affermano esplicitamente che il controllo deve essere condotto da un “revisore qualificato” per i casi in cui viene utilizzato come attività di verifica del fornitore. I revisori qualificati devono possedere le competenze tecniche – ottenute attraverso l’istruzione, la formazione, l’esperienza, in qualsiasi combinazione – per svolgere la funzione di revisione secondo necessità. Gli audit possono essere condotti dal responsabile del trattamento o dall’importatore FSVP, a condizione che impieghino persone che soddisfano la definizione FDA di revisore qualificato.

Secondo la Regola di certificazione di terze parti accreditata FSMA , la FDA ha ora la possibilità di contrattare con organismi di certificazione di terze parti che soddisfano i suoi criteri di accreditamento per condurre audit per suo conto. Tali audit possono essere audit regolatori di strutture estere o audit consultivi che aiutano le aziende a comprendere le lacune nella pratica che devono essere affrontate per conformarsi alle pertinenti normative FSMA. Si tratta di uno sviluppo importante, che offre ora alla FDA la capacità di coprire una parte maggiore del settore regolamentato, in particolare i fornitori stranieri, e che consente all’industria di utilizzare più strumenti per identificare le lacune nelle loro pratiche prima di sottoporsi a controlli o ispezioni regolamentari.

Food Safety Plan

Un piano di sicurezza alimentare è un piano basato sui concetti di Hazard Analysis e Critical Control Point (HACCP).
Il consumo di alimenti contaminati provoca ogni anno molti casi di malattie di origine alimentare. La maggior parte delle malattie di origine alimentare è causata da alimenti manipolati, preparati o conservati in modo improprio da operatori del settore alimentare. Al fine di controllare i problemi di sicurezza alimentare e proteggere la salute pubblica, le aziende alimentari possono prendere in considerazione l’implementazione del sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points).

Fondamentalmente, il sistema HACCP è l’applicazione sistematica di buone pratiche alla prevenzione di problemi di sicurezza alimentare e quindi alla produzione di alimenti sicuri. La prevenzione ha due elementi chiave: (1) anticipazione dei problemi e (2) progettazione delle giuste soluzioni preventive. La prevenzione dovrebbe essere attiva, non passiva.

Il sistema HACCP è stato adottato in tutto il mondo da molte aziende produttrici di alimenti; tuttavia, un sistema HACCP classico è generalmente considerato difficile da implementare nelle organizzazioni di servizi alimentari a causa della molteplicità dei prodotti alimentari e della mancanza di metodi standardizzati, ecc. Le organizzazioni di servizi alimentari, tuttavia, possono ancora elaborare e attuare un adeguato piano di sicurezza alimentare basato sui principi di HACCP.

In particolare, quindi un piano di sicurezza alimentare (FSP) è costituito dai documenti primari di un sistema di sicurezza alimentare di controlli preventivi che fornisce un approccio sistematico all’identificazione dei pericoli per la sicurezza alimentare che deve essere controllato per prevenire o ridurre al minimo la probabilità di malattie o lesioni di origine alimentare. Contiene una raccolta di documenti scritti che descrivono attività che garantiscono la sicurezza degli alimenti durante la produzione, la lavorazione, l’imballaggio e la conservazione.

L’FSP inizia con un’analisi dei pericoli di tutti gli ingredienti e le fasi del processo o di fabbricazione (vedere il capitolo 2 della presente guida). Un “pericolo” è qualsiasi agente biologico, chimico (incluso radiologico) o fisico che può potenzialmente causare malattie o lesioni. È importante comprendere che ai fini della sicurezza alimentare, il termine “pericolo” si riferisce solo alle condizioni o ai contaminanti negli alimenti che sono in grado di causare malattie o lesioni alle persone. Questi includono pericoli che si verificano naturalmente, che vengono aggiunti involontariamente o che possono essere aggiunti intenzionalmente a un alimento a fini di guadagno economico. Molte condizioni sono altamente indesiderabili negli alimenti, come la presenza di insetti, capelli, sporcizia o deterioramento e violazioni delle norme alimentari normative. Tutti questi difetti dovrebbero essere controllati nella trasformazione degli alimenti; spesso, tuttavia, questi difetti non influiscono direttamente sulla sicurezza del prodotto. A meno che queste condizioni non influiscano direttamente sulla sicurezza alimentare, i documenti che affrontano questi problemi non sono inclusi in un FSP. Se l’analisi dei pericoli non identificasse alcun pericolo che richiede un controllo preventivo, l’unico documento nell’SPF dovrebbe essere l’analisi dei pericoli.

SERVIZI CORRELATI DI EXPORT AMERICA

Related Posts

Leave a reply


Solve : *
6 + 12 =