USA: 407 McKirkland ct Cary, NC 27511
001 919 4132917

Esportare caffè negli Stati Uniti

Il mercato del caffè statunitense è caratterizzato da una vasta gamma di miscele provenienti da tutto il Mondo. Tuttavia, l'esportazione di chicchi di caffè negli Stati Uniti richiede una serie di documenti e procedure doganali ben precise. In questo articolo, esploreremo il processo di esportazione del caffè dagli Stati Uniti, concentrandoci sui requisiti, sulle normative e su come facilitare il flusso di approvvigionamento.

Il mercato del caffè statunitense è caratterizzato da una vasta gamma di miscele provenienti da tutto il Mondo. Tuttavia, l’esportazione di chicchi di caffè negli Stati Uniti richiede una serie di documenti e procedure doganali ben precise. In questo articolo, esploreremo il processo di esportazione del caffè dagli Stati Uniti, concentrandoci sui requisiti, sulle normative e su come facilitare il flusso di approvvigionamento.

Requisiti doganali statunitensi

Prima di addentrarci nei dettagli del processo di esportazione, è essenziale comprendere i requisiti doganali statunitensi. Il Customs and Border Protection (CBP) degli Stati Uniti collabora con le agenzie governative partner (PGA) per regolare l’ingresso di prodotti come il caffè nel Paese. Specifichiamo che i vincoli doganali rivestono un ruolo cruciale. Le obbligazioni doganali costituiscono un requisito imprescindibile per le esportazioni di prodotti alimentari negli Stati Uniti, indipendentemente dal loro valore. Tali obbligazioni non sono opzionali e risultano indispensabili per condurre con successo l’esportazione di prodotti alimentari, come nel caso del caffè, soggetto a ulteriori requisiti da parte delle agenzie federali.

Esistono due principali tipologie di obbligazioni doganali, da adottare in base al volume di esportazioni di caffè effettuate annualmente. Un vincolo doganale a ingresso continuo o singolo sarà in grado di soddisfare i requisiti di ingresso stabiliti dal CBP.

Gli esportatori, dunque, devono seguire alcuni requisiti chiave:

  1. Documentazione completa:
  • Fattura commerciale che dettaglia il prezzo e la classificazione tariffaria dei prodotti
  • Polizza di carico specifica degli articoli nella spedizione
  • Marcatura del Paese d’Origine su ogni prodotto
  • Certificato del Paese di origine, richiesto dall’Organizzazione internazionale del caffè
  • Documenti di sicurezza dell’importatore (ISF) devono essere completati almeno 48 ore prima della partenza
  • Vincolo doganale che copre le tariffe e i dazi richiesti.
  1. Ispezione CBP:
  • Un modulo di iscrizione CBP deve essere compilato entro 15 giorni dall’arrivo previsto della spedizione
  • Una spedizione ben documentata riduce il rischio di ispezioni a campione, che potrebbero causare ritardi e penalità.

Regolamentazioni FDA e USDA

La Food and Drug Administration (FDA) e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) regolano l’esportazione di caffè, coprendo chicchi verdi, tostati e caffè macinato. Le ispezioni della FDA si concentrano su garantire la sicurezza alimentare e la conformità alle normative, mentre l’USDA è coinvolto principalmente nelle spedizioni di chicchi di caffè verde. Scopriamo i dettagli e le differenze.

Ispezioni FDA

La FDA richiede la registrazione delle strutture di lavorazione e l’invio di un rapporto di “Prior Notice of Arrival”. Le ispezioni si concentrano su possibili contaminazioni, insetti e parassiti. I chicchi vengono testati utilizzando un piano di campionamento sequenziale, ispezioni visive o con ingrandimento, etichettando i chicchi compromessi come scarti.

Sulla base di queste ispezioni, alle spedizioni di caffè viene assegnato un “grado” che ne determina l’accettabilità come esportazione. Se state esportato caffè macinato, questo processo o uno simile sarà probabilmente eseguito presso un impianto di lavorazione straniero. I risultati potrebbero essere inseriti sulla confezione degli articoli o forniti come documento separato.

Ispezioni USDA

L’USDA – che ricordiamo, rappresenta un’altra agenzia governativa che sovraintende le importazioni di caffè e chicchi di caffè – ha come area di interesse riguarda le spedizioni di chicchi di caffè verde. Il processo di tostatura applicato a tali chicchi, al fine di conferire loro sapori distinti, svolge un ruolo significativo nell’eliminare la maggior parte dei potenziali parassiti.

Nel caso in cui una spedizione di chicchi di caffè verde giunga e si verifichi la presenza di parassiti, potrebbe essere emesso un ordine di quarantena. Un aspetto positivo è che è possibile sottoporre i chicchi a un processo di fumigazione per eliminare eventuali parassiti trasportati con la spedizione. Questo potrebbe evitare che il prodotto subisca un ordine di “distruzione in porto“.

Tuttavia, è importante considerare che molto probabilmente si dovranno coprire i costi dei servizi di fumigazione forniti dall’USDA, oltre a spese aggiuntive per lo stoccaggio o la manutenzione portuale durante il periodo di validità dell’ordine di quarantena.

Licenze ed esportazioni di caffè esentasse

Attualmente, non è richiesta alcuna licenza o permesso speciale per esportare caffè o prodotti correlati a base di caffè dagli Stati Uniti. Tuttavia, esiste un divieto per l’importazione di frutti di caffè interi, freschi e non trasformati con polpa, poiché rappresentano un rischio di diffusione della mosca esotica della frutta.

Poiché le piante di caffè non prosperano in nessuno degli stati continentali degli Stati Uniti, non vi è alcun vantaggio nell’attemptare l’introduzione di tali piante.

L’USDA non stabilisce limiti sulla quantità di chicchi di caffè verde o tostato che possono essere importati negli Stati Uniti, e non vi è alcun limite per i viaggiatori che riportano caffè dagli Stati oltreoceano durante i loro spostamenti.

Va notato che esistono eccezioni per i viaggiatori che attraversano le Hawaii o Porto Rico, poiché queste isole hanno produzioni locali di caffè. In tali casi, i chicchi di caffè verde non sono ammessi, ma possono essere consentiti se la persona si ferma solo temporaneamente.

La collaborazione con un broker doganale

Lavorare con un broker doganale autorizzato semplifica il processo di esportazione, garantendo la conformità alle normative e facilitando lo sdoganamento. Questi professionisti sono fondamentali quando si importano articoli di valore superiore a 2,500 dollari o soggetti a regolamentazioni specifiche.

Quali sono i principali Paesi esportatori di caffè negli Stati Uniti

Nel 2020, i cinque principali Paesi esportatori di caffè ngli Stati Uniti sono stati i seguenti:

  1. Brasile per un valore del prodotto (USD) pari a $5,08 miliardi e una percentuale del mercato globale pari a 16,5%
  2. Svizzera per un valore del prodotto (USD) pari a $2,71 miliardi e una percentuale del mercato globale pari a 8,81%
  3. Germania per un valore del prodotto (USD) pari a $2,59 miliardi e una percentuale del mercato globale pari a 8,41%
  4. Colombia per un valore del prodotto (USD) pari a $2,54 miliardi e una percentuale del mercato globale pari a 8,25%
  5. Vietnam per un valore del prodotto (USD) pari a $2,24 miliardi e una percentuale del mercato globale pari a 7,28%.

Cosa fare per intraprendere l’attività di esportatore di caffè negli USA

Iniziare l’attività di esportatore di caffè negli USA può essere un’opportunità eccitante e redditizia, data la crescente domanda di questo prodotto in tutto il mondo. Ecco alcune considerazioni importanti da tenere a mente mentre inizi il tuo percorso come importatore di caffè:

  • familiarizzati con il mercato del caffè, compresi i trend di consumo, le preferenze dei consumatori e le dinamiche di mercato nei Paesi di destinazione;
  • informati sulle leggi e le normative relative all’esportazione di caffè nei Paesi in cui intendi operare. Ciò include i requisiti doganali, sanitari e di sicurezza alimentare;
  • costruisci solide relazioni con fornitori affidabili;
  • implementa rigorosi controlli di qualità per garantire che il caffè esportato soddisfi gli standard richiesti e sia in conformità con le normative locali;
  • considera la sostenibilità nella catena di approvvigionamento del caffè. Molte aziende e consumatori sono sempre più sensibili alle pratiche sostenibili e etiche;
  • organizza una logistica efficiente per garantire che il caffè arrivi in condizioni ottimali;
  • sviluppa una strategia di marketing solida per posizionare il tuo caffè sul mercato. Il branding e la comunicazione efficace possono fare la differenza;
  • sii flessibile e adattati alle mutevoli condizioni del mercato. La capacità di adattarsi a nuove tendenze o situazioni è fondamentale nel settore del caffè;
  • esplora opportunità in mercati emergenti come Cina e India, dove la domanda di caffè sta crescendo;
  • rimani informato sulle ultime tendenze, tecnologie e innovazioni nel settore del caffè. La formazione continua può aiutarti a rimanere competitivo.

Iniziare come esportatore di caffè dunque, richiede un approccio strategico e un impegno a fornire un prodotto di qualità. Con una pianificazione accurata e un impegno costante, puoi capitalizzare sulla crescente popolarità del caffè a livello globale.

Ricorda, esportare caffè negli Stati Uniti può darti grandi soddisfazioni!

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Leave a reply


Solve : *
14 − 2 =