USA: 407 McKirkland ct Cary, NC 27511
001 919 4132917

Vendere Online in USA

Aprire un negozio online negli Stati Uniti

Per farsi conoscere, è necessario avere una propria presenza sul web attraverso un sito internet e sfruttare a proprio vantaggio le potenzialità di penetrazione dei Social Network. Nel caso delle vendite dirette online, c’è bisogno che il sito sia un e-commerce, ovvero un negozio virtuale sul web dove gli utenti possono guardare e valutare i prodotti, prima di procedere all’ordine e all’acquisto. Vendere online in USA non si discosta affatto da questa logica. Tuttavia è necessario avere un sito in lingua inglese ed essere indicizzati sui motori di ricerca statunitensi.

Presenza Online negli USA. Google.it è diverso da Google.com

Non basta avere un sito web in inglese per iniziare a vendere online negli Stati Uniti. Bisogna che questo sito sia indicizzato e posizionato sui motori di ricerca (Google e Bing su tutti).

Quante aziende sperano di iniziare a vendere in USA attraverso il proprio e-commerce ma poi i risultati non arrivano. Spesso ci si affida anche ad agenzie specializzate e spesso il lavoro porta ad avere dei buoni frutti raggiungendo la prima pagina su Google e Bing.

Ma allora perché il sito non vende negli Stati Uniti?

e-commerce-vendere-online-in-usa
Come Vendere Online negli USA

La risposta è semplice. Dall’Italia, a meno che non si utilizzino browser impostati diversamente, le ricerche vengono effettuate su Google.it, ovvero il motore di ricerca va a cercare i risultati tra gli indici italiani. Soltanto spostandosi su Google.com si riesce a capire in quale posizione è finito realmente il sito web.

Per questo, l’azienda che voglia fare affari negli USA vendendo online i propri prodotti, dovrebbe affidare il lavoro a specialisti che lavorano negli USA o che per lo meno siano in grado di lavorare su Google.com.

Export America Group ad esempio, offre questo servizio

Avere il sito posizionato sui motori di ricerca USA potrebbe non bastare

Come anche in Italia, raggiungere la prima pagina di Google non significa che di conseguenza, il sito web inizi a vendere online negli USA. Ci sono altri fattori da considerare.

Fra tutti:

  • Il Layout: popoli diversi hanno gusti diversi e soprattutto, sono abituati a muoversi su un sito web in maniera diversa. Bisogna progettare il proprio e-commerce, andando incontro alle abitudini di navigazione americane.
  • Il metodo di pagamento: Se paypal è universalmente utilizzato, è altrettanto vero che difficilmente un cliente americano farà un bonifico a favore di una banca straniera. Per questo sarebbe opportuno aprire un conto bancario in USA. Naturalmente, per le carte di credito, basterà utilizzare i circuiti internazionali più noti ed affidabili.
  • Fiducia: I cittadini USA sono notoriamente poco propensi a fidarsi nel fare acquisti da siti non americani. Avere una sede in loco, andando ad aprire una società in USA, fa si che le transazioni siano regolate dalle leggi americane e questo determina la fiducia e l’atteggiamento favorevole all’acquisto. Se vi state chiedendo quanto costa aprire una società o una filiale in USA contattateci.
  • Sito con estensione .com o meglio, .us,registrato negli Stati Uniti: L’estensione .com indica l’area geografica mondiale, a differenza del .us che invece sta ad indicare i domini statunitensi. È consigliabile che il nome del dominio sia con estensione .com se si ha intenzione di essere presenti a livello internazionale. Il .us sarà eccellente se ci si vuole concentrare sul mercato degli Stati Uniti. Anche la scelta del provider sarebbe meglio ricadesse su un hosting statunitense. Per completezza, grandi budget e agenzie SEO competenti, possono rendere queste scelte meno determinanti e posizionare su Google negli USA, indifferentemente un sito con estensione.com, piuttosto che .it.

È tutto? No manca ancora qualcosa. Scusate se facciamo sembrare complicata la cosa quando di complicato c’è ben poco, ma è nostra premura dare informazioni esatte e complete. Questo qualcosa è la ricerca di mercato.

Le ricerche di Mercato

Nessun business è destinato ad avere successo senza una pur minima pianificazione (business plan) conseguente ad una preliminare analisi del mercato. Tanto meno in USA dove sono maestri in queste cose.

Le domande da porsi, prima di aprire un sito per vendere negli Stati Uniti, è a quale tipologia di utente americano ci si rivolge. Fatto questo, bisogna individuarne bisogni e desideri o, per dirla alla Steve Jobs, far nascere in loro il desiderio di acquistare qualcosa di cui pensavano non aver bisogno.

Anche in questo caso, occorre farsi affiancare da una società che conosca bene il mercato statunitense per indirizzare una campagna di marketing nella direzione giusta, individuando i vari tipi di target (persone, regioni, eccetera).

Anche in questo, Export America Group può aiutarvi, essendo specializzata nell’Export verso gli USA e avendo nel suo Know-How, moltissimi casi di aziende che sono riuscite a sbarcare sui mercati USA anche attraverso la vendita online.

Related Posts

Leave a reply


Solve : *
20 − 1 =