USA: 407 McKirkland ct Cary, NC 27511
001 919 4132917

Incentivi agli investimenti in USA

Il mercato degli Stati Uniti d’America e tra i più eterogenei al mondo. Il consumatore americano negli ultimi anni sta spostando il suo interesse su prodotti di qualità e affidabili.

Il mercato degli Stati Uniti d’America e tra i più eterogenei al mondo. Il consumatore americano negli ultimi anni sta spostando il suo interesse su prodotti di qualità e affidabili. Questo ha portato quindi il mercato ad assumere un atteggiamento tutt’altro che discriminatorio nei confronti di investitori esteri, purchè essi riescano ad accaparrarsi la fiducia dei consumatori. Proprio per questo tipo di investitori, è prevista una variegata gamma di incentivi, sia fiscali che finanziari, nonché una normativa sul lavoro elastica in grado di favorire il business.

Incentivi agli investimenti in USA

INCENTIVI PER CHI VUOLE PRODURRE NEGLI STATI UNITI

Il mercato statunitense presenta caratteristiche di notevole eterogeneità che spesso risultano di difficile comprensione per l’imprenditore straniero che intenda investire negli Stati Uniti. La principale ragione di tale complessità è intrinseca al sistema amministrativo-fiscale statunitense, composto di tre livelli tra loro interagenti: federale, statale e locale (che a sua volta comprende e si suddivide in municipalità, contee, ecc.).

Quello che fornisce un ventaglio di opzioni più vantaggiose è il livello statale. Di seguito sono elencati gli investimenti per cui vengono erogati più incentivi:

  • investimenti su ricerca e sviluppo
  • investimenti sull’uso o sviluppo di tecnologie avanzate
  • investimenti che generano posti di lavoro
  • investimenti sull’industria manufatturiera
  • investimenti su macchinari per lo smaltimento di rifiuti

Alcuni Stati garantiscono incentivi a tutte le società – siano esse costituite negli Stati Uniti o all’estero – (per esempio gli stati di New York e New Jersey), mentre altri li concedono alle sole società costituite nello stato erogante (per esempio lo stato del Nevada). Tuttavia, anche in questi casi l’investitore straniero avrà comunque la possibilità di ottenere un finanziamento locale, costituendo una società nello stato dal quale si cerca di ottenere il finanziamento.

FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI

Aprire una società negli Stati Uniti vuol dire trovare un sistema bancario che incoraggia l’economia attraverso la concessione di prestiti e mutui al fine di dare continuamente linfa vitale al mercato. (per approfondire: Ottenere Prestiti e Finanziamenti dalle Banche USA).

Sono però spesso gli stati stessi a predisporre di una variegata serie di strumenti volti al finanziamento delle attività di cui sopra:

  • Industrial Developments Bond: (prestiti obbligazionari per lo sviluppo industriale) cioè prestiti obbligazionari esentasse finalizzati allo sviluppo di unità industriali. Le obbligazioni in questione consentono di finanziare l’acquisto di nuovi impianti produttivi, attrezzature, terreni o stabilimenti.
  • Fund: (fondo di finanziamento statale vincolato) Lo Stato sceglie di utilizzare il fondo obbligazionario per sovvenzionare attività imprenditoriali ritenute importanti per lo sviluppo di un particolare territorio.
  • Small Medium Enterprises: (piccole e medie imprese) sono previsti numerosi programmi di finanziamento (per lo più per quanto riguarda agevolazioni di investimenti in conto capitale), anche qualora le imprese non siano in grado di ottenere prestiti attraverso i normali canali di credito.

ENTERPRISE ZONE

Per chiunque stia pensando di investire negli stati uniti è utile tenere in considerazione ciò che quasi tutti gli stati ormai hanno creato, ovvero le Enterprise Zone. Queste sono dei territori (per lo più ai confini dello stato) ad alto potenziale produttivo, per le quali è previsto un particolare sistema di incentivi a favore delle imprese che vi intendano investire e svolgere attività produttiva.

Tali agevolazioni ricoprono per lo più sgravi fiscali, tra cui i più noti sono:

  • Tax Credit, cioè agevolazioni sul reddito tassabile dell’azienda
  • Real Property Tax Credit, cioè sgravi sulle imposte immobiliari (Real Property Investment Tax Credit per gli investimenti sulle imposte immobiliari)
  • Research & Development, cioè sgravi sugli investimenti in ricerca e sviluppo
  • alcuni stati offrono inoltre riduzioni sulle spese per energia elettrica e gas

ALTRE ZONE

Alcuni stati hanno inoltre creato zone come le “Entertainment Districts”, volte a incentivare tramite corposi benefici fiscali attività di supporto all’industria cinematografica e del divertimento e intrattenimento in generale.

Vi sono inoltre particolari zone dette “Foreign trade zones”, situate nei confini tra Canada e Messico, dove le merci straniere e le merci locali sono considerate di traffico internazionale. Tali merci sono esenti da dazi doganali e i proventi derivanti dalla vendita di queste non sono soggette a prelievi fiscali.

AGENZIE STATALI PER INVESTITORI ESTERI

Alcuni stati forniscono consulenza rivolta alle imprese straniere e programmi specifici volti a consentire alle imprese straniere di avviare un’attività o di espanderne una già esistente.

L’agenzia (ad esempio “New York – Investment Leads for Foreign Companies”) reperisce lo spazio più adatto alla specifica attività, stima le spese (come imposte, attrezzature, contributi, ecc), reperisce i fondi necessari, verifica la possibilità di sgravi fiscali e vari incentivi (sopra citati), fino a costruire un collegamento diretto con gli uffici pubblici per espletare le formalità burocratiche e connettere il progetto alla rete di uffici regionali e stranieri.

SERVIZI CORRELATI DI EXPORT AMERICA

Related Posts

Leave a reply


Solve : *
30 − 4 =