USA: 407 McKirkland ct Cary, NC 27511
001 919 4132917

Politiche di restituzione e rimborsi e-commerce in USA

Gli e-commerce sono dei veri e propri negozi online dove acquistare da casa, in pochi click, un qualsiasi prodotto. A volte però, c’è la necessità di restituire il prodotto per qualche motivo (difetti, non conformità, taglia sbagliata, eccetera).

Secondo stime autorevoli, negli Stati Uniti il 30% degli acquisti effettuati online è soggetto a restituzione o cambio merce. Per questo motivo, chi decide di aprire un sito e-commerce in USA, deve premunirsi con una politica di restituzione e rimborsi chiara, da pubblicare sul sito stesso e da mettere in pratica al bisogno.

Restituzioni e Rimborsi per acquisti online negli Stati Uniti

resi-rimborsi-ecommerce-usa

Negli USA ci sono alcune leggi che regolano le politiche di reso e rimborso. Essendo però l’intero territorio frammentato in 50 stati, è possibile che in stati differenti siano applicate regolamentazioni diverse. La cosa comune per tutti è l’obbligo di esporre in modo visibile sul sito web (e anche nei negozi fisici) la politica adottata, pena l’invalidità della stessa.

C’è da precisare che le normative di stato regolano principalmente le modalità di restituzione della merce, permettendo ad esempio, di applicare una tariffa per i costi di sostituzione della confezione, in maniera tale da poter rivendere il prodotto all’interno di un imballo nuovo. A livello federale invece non esiste alcuna norma che impone la restituzione del denaro.

La politica del rimborso è affidata alle scelte del titolare del sito web.

È prassi comune però, che gli e-commerce statunitensi, offrano il rimborso a fronte di una restituzione.

A prescindere dalla politica adottata dal sito web però, di solito negli store online USA, non sono permesse restituzioni e rimborsi in caso di acquisto sbagliato. Se ad esempio si ordina un paio di scarpe rosse e poi, dopo averle ricevute ci si rendesse conto che sono meglio quelle blu, il titolare dell’e-commerce non è tenuto al cambio merce o al rimborso. Diverso è il discorso per i prodotti difettosi. In questo caso può avvenire sia il reso che il rimborso (quando non si desideri il cambio merce).

La Legge Federale (FTC)

Le normative federali in materia di resi e rimborsi, danno protezione ai consumatori tramite la Federal Trade Commission (FTC). Questa protezione però è più orientata a prevenire e punire eventuali pratiche illegali, ingannevoli e fraudolente messe in atto dal proprietario dell’e-commerce.

La FTC, nel caso di un accertamento  che riscontri dichiarazioni ingannevoli sui prodotti e i relativi servizi, farà causa all’azienda titolare del sito e tenterà successivamente di ottenere i rimborsi per gli acquirenti.

Conclusioni

Un’azienda che voglia aprire un e-commerce destinato al pubblico degli Stati Uniti, dovrà predisporre una politica dei resi e rimborsi chiara e seria. Onde evitare errori che porterebbero ad avere problemi con l’FTC, è consigliato rivolgersi ad una società di consulenza specializzata nel commercio elettronico negli USA. Questa saprà anche suggerirvi la politica migliore da adottare per acquisire la fiducia dei consumatori americani e per essere competitivi sul mercato elettronico statunitense.

Export America Group può aiutarti col tuo sito online destinato al mercato degli Stati Uniti.

Related Posts

Leave a reply


Solve : *
30 − 13 =